Festa di San Pietro e Paolo patroni di Roma

La festa di San Pietro e Paolo è una delle più importanti della città, che celebra i santi patroni di Roma ogni 29 giugno.
Secondo la tradizione in questo giorno, nell’anno 67 d.C., i santi Pietro e Paolo, vennero entrambi martirizzati dai Romani, sebbene in luoghi diversi.
Prima di separarsi i due santi si salutarono lungo la via Ostiense a qualche centinaio di metri da dove ora sorge la Basilica di San Paolo fuori le Mura.
La scelta di questo giorno per la commemorazione, secondo gli storici, avvenne anche per sostituire la festa pagana legata a Romolo e Remo, considerati i divini fondatori di Roma.

La festa di San Pietro e Paolo parte, come ovvio, dai riti religiosi. Il Papa celebra una messa a San Pietro, durante la quale impone il Palio, una specie di sciarpa di lana bianca, ai vescovi, un’azione che simboleggia l’unione tra la Chiesa di Roma e le Parrocchie nel Mondo.
Il Papa, in seguito, bacia il piede della statua di San Pietro, adornata per l’occasione con il piviale rosso.
I festeggiamenti si concludono la sera con la processione, in cui viene esposta la catena di San Paolo.

I festeggiamenti per i Patroni di Roma, però, comprendono anche molte altre iniziative, come l’apertura straordinaria dei molti musei e sale espositive, durante questa giornata ad esempio sarà possibile visitare i Teatro dell’Opera.
Da non perdere anche la “Festa lungo il Tevere”, ricca di appuntamenti con la musica, il divertimento e l’arte.

Arrivata la sera del 29 giugno, però, c’è un appuntamento atteso da grandi e piccini, la girandola di Castel Sant’angelo, il meraviglioso spettacolo di fuochi d’artificio che, da secoli, illumina la fortezza medioevale dei Papi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *