Mediterraneum, il nuovo acquario di Roma.

Mediterraneum, il nuovo acquario di Roma

I lavori stanno per finire ed ormai è iniziato il conto alla rovescia per l’apertura di Mediterraneum, il nuovo acquario di Roma.
Sotto il laghetto dell’Eur sono quasi pronte le trenta vasche che ospiteranno circa cento specie acquatiche diverse, per quella che sarà la più grande riserva dedicata alla biodiversità del Mediterraneo in Italia.

I quattordicimila metri quadrati della struttura saranno dotati anche di un auditorium da quattrocento posti per conferenze e seminari, oltre ad un parcheggio da seicento posti auto.
Cinquemila esemplari, tra squali grigi, cernie, barracuda, cavallucci e stelle marine, oltre a razze e meduse, popoleranno la zona Sea Life, formata da sale e ambienti sigillati in un involucro acrilico trasparente, che daranno l’illusione di camminare proprio in fondo al Mediterraneo.

La zona Expo, invece, è dedicata all’approfondimento ed alla tecnologia, in una vasca speciale i visitatori potranno ammirare gli innovativi pesci robot, creati dal laboratorio di robotica del Campus Biomedico di Roma. Queste straordinarie macchine, rivestite da pelli artificiali, muovono attraverso dei sensori e possono anche eseguire delle azioni chieste dal pubblico attraverso degli appositi touch screen collocati.

Passato e presente convivono e così accanto ai futuristici pesci meccanici è prevista una sala dedicata all’archeologia subacquea ed una pinacoteca, che ospiterà mostre temporanee sul Mediterraneo.
Il Mediterraneum, il nuovo acquario di Roma, rientra nel grande progetto per la realizzazione del Secondo Polo Turistico della Capitale e, come affermato dal delegato al turismo Antonio Gazzellone durante la conferenza di presentazione: “questo è il primo passo per l’ampliamento dell’intero sistema dei parchi a tema, che comprenderà ZoooMarine, Rainbow Magicland ed i due progetti in fase di progettazione e realizzazione Cinecittà World e il parco sull’impero romano”.

L’apertura ufficiale del Sea Life è prevista per giugno 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *