La storia di Piazza Navona

La storia di Piazza Navona

La storia di Piazza Navona è affascinante e molto particolare. Si tratta di uno dei luoghi simbolo della capitale, certamente tra le piazze più belle e note di Roma.
La piazza si trova sull’antico stadio di Domiziano, costruito nel 86 d.C. per ospitare gare sportive e spettacoli musicali. L’arena era di dimensioni notevoli, lunga almeno 270 metri e larga 55, tanto da essere in grado di contenere almeno 33 mila persone.

storia di piazza navona roma

Dopo essere stata restaurata prima dall’imperatore Alessandro Severo e poi da Papa Innocenzo X, venne utilizzata fino all’800 per ospitare celebrazioni, messe, ma anche spettacoli, bare ed anche battaglie navali. Il nome “Piazza Navona” deriva, infatti, dal termine latino “in agone” diventato poi nel corso del tempo navona.

L’assetto attuale della piazza maturò nel 1600, proprio grazie all’intervento di Papa Innocenzo X, che fece realizzare la chiesa di Sant’Agnese ed il palazzo Pamphili, dedicato alla sua casata.
Oggi viene spesso utilizzata come magnifica location per i tradizionali mercatini, soprattutto nel periodo natalizio.

storia di piazza navona roma

Le magnifiche fontane di Piazza Navona

La storia di Piazza Navona è legata a doppio filo alle sue celebri fontane. Sono ben tre, magnifiche, ed ornano con la loro straordinaria bellezza la pizza ormai da secoli. Sui due lati si trovano Fontana del Nettuno o dei Calderoni realizzata da Gregorio Zappalà e Antonio della Bitta (XIX secolo) e la Fontana del Moro di Giacomo della Porta.
Appartiene al Bernini la terza e celebre Fontana dei Quattro Fiumi, cui è legata la leggenda della rivalità tra lo scultore e l’architetto Borromini.
La tradizione, infatti, racconta che la statua del Rio della Plata alzi il braccio per proteggersi dall’inevitabile crollo della Chiesa di Sant’Agnese. Quella del Nilo avrebbe invece una benda sulla testa per sottrarsi all’infelice visione.
Ma la credenza è infondata, la fontana fu infatti realizzata prima della chiesa. Mentre il Nilo ha la testa bendata perché al tempo non erano state ancora scoperte le sorgenti del fiume. La statua di Sant’Agnese sulla facciata della chiesa ha la mano sul petto, insieme all’espressione del volto che parrebbe segno di sconcerto.

storia di piazza navona roma

Mappa di Piazza Navona

3 pensieri su “La storia di Piazza Navona

  1. Carina questa storia del Rio della Plata che si protegge per non vedere il crollo di S. Agnese in Agone, costruita dal suo rivale Borromini. Ma à solo una legenda, visto che Bernini ha progettato prima la fontana, e solo anni dopo Borromini ha costruito la chiesa….:))))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *