Roma: Capodanno a teatro

Roma: Capodanno a teatro

Per chi non ama feste e caos, l’idea più alternativa e divertente per salutare il 2011 è regalarsi il biglietto per uno spettacolo.
Trascorrere il capodanno a teatro non sarà un problema, ci sono molti spettacoli in cartellone ed avrete solo l’imbarazzo della scelta.
Volete dimenticare la crisi? Scegliete la scanzonata comicità di Gabriele Cirilli e Beatrice Fazi, che porteranno in scena l’esilarante spettacolo “In famiglia senza medico” al Teatro Golden. In scena ci saranno anche Dante e Melina, personaggi ben noti ai fan del telefilm Rai “Un medico in famiglia”.

L’uomo che non capiva troppo” racconta la tragicomica avventura di un uomo comune, che improvvisamente scopre di vivere in realtà in un intricato mondo fatto di spie e società segrete. Tratto dal loro fortunatissimo show radiofonico “6-1-0”lo spettacolo di Lillo & Greg vi aspetta al Teatro Olimpico.

È decisamente adatta a questo periodo la commedia “A che servono questi quattrini?” rappresentata dalla compagnia di Luigi De Filippo al Teatro Ambra Jovinelli. La pièce, portata in scena da Edoardo e Peppino De Filippo nel 1940, racconta le vicende di un marchese decaduto, che dimostra come sia possibile vivere senza lavorare se tutti ti credono ricco.

Roma: Capodanno a Teatro

Rende omaggio ai 150 anni dell’Unità d’Italia, compiuti proprio nel 2011, il musical “Rinaldo scende in campo al Sistina.
Il brigante Rinaldo Dragonera ruba ai ricchi per dare ai poveri, ma quando si innamora della contessa Angelica, accanita sostenitrice della causa garibaldina, decide di schierarsi con Garibaldi e lottare contro i Borboni.

Le avventure di un parroco di paese degli anni ’50 sono il centro della commedia “Grisù, Giuseppe e Maria” in scena al Teatro Vittoria. Don Ciro cerca di aiutare i suoi parrocchiani a risolvere i loro piccoli e grandi problemi, mentre sullo sfondo incombe la tragedia di Marcinelle.“Roma canta Roma” Uno spettacolo dedicato alla musica popolare, infine, si terrà al Teatro Petrolini, con il maestro Paolo Gatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *