Le Macchine di Leonardo in mostra a Roma

Roma, capitale dell’arte e della cultura italiana, celebra uno dei più grandi maestri della nostra storia, Leonardo da Vinci.
Artista poliedrico, pittore, architetto ed ingegnere, fu anche un grande e illuminato uomo di scienze.

È proprio questo aspetto della sua feconda produzione che viene approfondito nella mostra “Leonardo da Vinci – Il genio e le invenzioni” di Roma.

Il maestro toscano, infatti, credeva che osservando la natura si protesero scoprire i segreti del mondo, fu un vero precursore della scienza moderna in molti campi, dalla botanica all’anatomia, dall’astronomia alla geologia (fu tra i primi a comprendere la vera origine dei fossili).

Fu però l’ingegneria uno dei campi in cui il suo genio riuscì a mostrare tutto il suo immenso talento, arrivando ad ideare macchine e strumenti che sarebbero divenuti realtà solo centinaia di anni dopo.

Il suo talento visionario, per molto tempo limitato ai suoi scritti ed ai suoi disegni, prende vita nella mostra su Leonardo a Roma, dove si possono vedere quasi cinquanta macchine progettate da Vinci.

Tutte le creazioni possono essere toccate con mano ed anche provare, così da comprendere appieno quanto Leonardo abbia anticipato gli scienziati dell’epoca moderna: le celebri macchine volanti ed il modello della bicicletta, ma anche un archetipo del paracadute, una sega idraulica e molte altre invenzioni.

Per meglio muoversi nell’intricata e poliedrica mente di Leonardo la mostra di Roma è divisa in 5 aree, le prime sui quattro elementi vitali (acqua, aria, terra e fuoco) ed una sugli “Elementi macchinali” o Meccanismi, che raccoglie le macchine e gli attrezzi come la vite senza fine o il geniale Carro Armato, riprodotto per la prima volta a grandezza originale (il modello pesa due tonnellate, è alto tre e con un diametro di sei).

La mostra, ospitata nello storico Palazzo della Cancelleria, sarà aperta fino ad aprile 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *