warhol roma WARHOL: HEADLINES

Andy Warhol e i media allo Gnam

Andy Warhol profetizzò che un giorno tutti sarebbero stati famosi per quindici minuti, una previsione incredibilmente corretta ed in anticipo sui tempi di molti fenomeni moderni, dall’avvento di internet ed i social network, fino all’evoluzione dei media.
La Galleria nazionale d’arte moderna ospita un’interessante mostra dedicata al rapporto tra Andy Warhol e i media: “Warhol: Headlines”, aperta fino al 9 settembre.

Warhol prima di tutti aveva compreso come un fatto, un avvenimento o qualsiasi notizia in realtà non esista finché la tv ed i giornali non la rendono tale.
Sono i titoli altisonanti e le immagini che rendono un fatto una notizia, ed il grande maestro della pop art ha analizzato molto volte questo meccanismo.
Questo rapporto tra Warhol ed i media ha portato ai famosi cicli di quadri che riproducevano pubblicità, beni di consumo (la famosa zuppa Campbell) e di personaggi celebri, come i ritratti di Marylin Monroe.

Oltre a queste celebri opere, però, Andy Warhol ha dedicato un’attenzione particolare al lato sensazionalistico dei media, creando molte opere partendo proprio da ritagli di giornale.
La mostra “WARHOL: HEADLINES” raccoglie circa ottanta opere, tra disegni, dipinti, fotografie, sculture e filmati per il cinema e la televisione, tutti accumunati dalla rielaborazione delle notizie da parte dell’artista.
Warhol tagliava immagini, titoli e testi per riassemblarli a suo piacimento, mostrando come fosse la volontà del giornalista di dare risalto o oscurare qualcosa a rendere noto un fatto.

warhol roma WARHOL: HEADLINES

La mostra “WARHOL: HEADLINES” è nata dalla collaborazione tra la National Gallery of Art di Washington, con The Andy Warhol Museum di Pittsburgh, la Galleria Nazionale d’arte moderna di Roma e il Museum für Moderne Kunst di Frankfurt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *